Commemorati i 54 martiri di Bellona (video)

“Il sacrificio di questi 54 martiri, semplici cittadini o militari, ha accompagnato, insieme alla forza dei loro ideali, la storia di libertà e di progresso della nazione”. Lo ha affermato il senatore Vincenzo Carbone, segretario di presidenza di Palazzo Madama, nel corso della solenne cerimonia commemorativa dell’eccidio di Bellona in provincia di Caserta.

Carbone ha partecipato alla manifestazione “in rappresentanza del Presidente del Senato della Repubblica e di tutti i suoi componenti”, unendosi al ricordo delle vittime della barbara rappresaglia attuata dai nazisti 7 ottobre 1943: “Un episodio terribile della nostra storia che continua a scuotere la nostra coscienza e che non deve mai cadere nell’oblio, proprio affinché sia sempre di monito per le generazioni presenti e future”.

Di qui il riferimento alla necessità di conservare la memoria che “rafforza nella coscienza comune, la consapevolezza che i valori fondanti della nostra Repubblica come pace, libertà e democrazia non possano mai più essere messi in discussione”.

“Abbiamo il compito di tenere vivo il ricordo – ha concluso il segretario di presidenza del Senato – trasmetterlo ai più giovani e trasformare quella ferita profonda in un impegno di convivenza e di sviluppo democratico. Lo dobbiamo non solo per chi verrà dopo di noi, ma anche per chi in passato, nella lotta per costruire un mondo migliore, ha dovuto sacrificare la propria vita”.

A causa delle avverse condizioni meteo gli interventi si sono tenuti nella Chiesa di San Secondino, dove Monsignor Salvatore Visco, Arcivescovo di Capua, ha celebrato successivamente la Santa Messa, seguita dalla benedizione della Cava Ossario. Le cerimonia, secondo il programma, si è conclusa intorno alle 12.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*